A testa alta: potrebbe esserci olio di canola nel latte di avena

I latti a base vegetale non sono mai stati più popolari (o abbondanti) nel 2019 - che momento di essere vivi! - Ma tra tutte le opzioni, il latte d'avena è attualmente ape regina. E mentre i fan del latte d'avena probabilmente già sanno di evitare la carragenina e controllare il contenuto di zucchero prima di aggiungerlo al loro caffè, c'è un ingrediente che compare in molti comuni marchi di latte d'avena che ha persone che fanno una doppia presa: olio di colza.


migliori integratori per l'insonnia

Il solo nome è scoraggiante. Se ti prendi il tempo di tirar fuori il telefono e fai una rapida ricerca su Google mentre fissi la custodia senza latticini, scoprirai che è comunemente parlato insieme all'olio di canola. Ecco perché: sono sostanzialmente la stessa cosa.

Qualche sfondo: l'olio di colza è prodotto dai semi della pianta di colza (un parente di senape). L'olio di colza contiene naturalmente elevate quantità di acido erucico (tra il 30-60 percento), che è stato associato a problemi cardiaci nei topi. Negli anni '70, gli scienziati dell'alimentazione svilupparono una pianta di colza che aveva livelli molto più bassi di acido erucico attraverso tecniche di riproduzione incrociata (da non confondere con la modifica genetica delle piante). Chiamarono la pianta (e l'olio da essa creato) colza. Secondo la FDA, affinché un olio si chiami canola, non più del due percento del suo profilo di acidi grassi può provenire da acido erucico.

Quindi sì, ci sono alcune lievi differenze, anche se al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, le persone confondono le due cose, probabilmente perché la maggior parte dell'olio di colza oggi viene prodotto con queste piante a basso contenuto di acido erucico. 'In alcuni paesi, principalmente in Europa, (i termini) l'olio di colza e l'olio di colza sono usati in modo intercambiabile, afferma il dietista registrato Kristin Kirkpatrick, RD. (A suo avviso, Oatly è svedese, mentre Minor Figures ha sede nel Regno Unito ed entrambi i marchi utilizzano olio di colza nei loro prodotti.)

Kirkpatrick afferma che l'olio di colza e olio di colza sono così comuni nel latte di avena perché fungono da emulsionante, mantenendo l'acqua e l'avena mescolate insieme. Consideralo un motivo per cui il latte d'avena ha una consistenza così liscia e cremosa.


Kirkpatrick afferma che le persone vengono spente per l'olio di colza (olio di colza) perché qui negli Stati Uniti, è in genere un alimento geneticamente modificato. Mentre la pianta originale di colza è stata allevata attraverso tecniche agricole tradizionali, le piante moderne sono spesso geneticamente modificate per resistere agli erbicidi. Puoi evitarlo acquistando prodotti con un'etichetta non OGM o biologica certificata, afferma Kirkpatrick. (Per la cronaca, Oatly afferma di utilizzare olio di canola non OGM nei suoi prodotti.)



Kirkpatrick afferma che l'olio di colza (noto anche come olio di colza) ha effettivamente alcuni vantaggi. Uno, è ampiamente considerato un grasso sano, ricco di omega-3. 'A differenza dell'olio di oliva, l'olio di colza ha un punto di fumo più elevato, quindi è sicuro per cucinare, aggiunge. (Traduzione: la prossima volta che proverai a friggere l'allarme antincendio nella tua cucina non accenderai per caso.) 'E come tutti gli oli, è una buona fonte di vitamina E. Non tutti gli esperti di salute concordano; alcuni raccomandano ancora di evitare la colza a causa delle sue proprietà potenzialmente infiammatorie e perché in alcuni casi può ancora essere idrogenato (che lo stabilizza ma potenzialmente introduce anche grassi trans).


Secondo Kirkpatrick, vedere l'olio di colza elencato nell'elenco degli ingredienti sul cartone del latte d'avena non dovrebbe sollevare alcuna bandiera rossa. 'Ma se sei ancora preoccupato, dice,' ci sono certamente marchi che non lo usano. (Elmhurst è uno.) Ehi, puoi sempre farcela da solo.

come fare lo spray per il lino

Per un confronto fianco a fianco dei benefici nutrizionali di diversi mungitori, consulta questa guida. Inoltre, suggerimenti su come fare la scelta più sostenibile.